Salute intima, viverla senza tabù

Salute intima, viverla senza tabù
30/01/2019 itismychoice

Le 9 cose i ginecologi vorrebbero dire alle donne secondo l’esperta Tania Adib

 

Fonte: Chedonna.it

Donne del nuovo millennio sempre più forti ed emancipate, ma non in fatto di salute intima che continua a rimanere un argomento imbarazzante e tabù. Se ne parla poco, e se ne sa ancor meno, tanto che molte donne rivelano di essere confuse e disinformate in materia. E allora non stupisce che anche l’indicazione di effettuare la visita dal ginecologo almeno una volta all’anno, venga frequentemente disattesa dal gentil sesso.

Tania Adib, consulente ginecologa del Lister Hospital di Londra, ha stilato un elenco delle cose che ogni ginecologo vorrebbe dire alle proprie pazienti e di cui tutti dovrebbero essere a conoscenza.

  1. Non sentirti imbarazzata

Il 50% della popolazione del pianeta è di sesso femminile, il che significa che i problemi di salute intima ti accomunano con altri tre miliardi di persone. I ginecologi hanno visto e sentito di tutto, quindi non c’è assolutamente nulla di cui essere imbarazzati quando si tratta di salute intima.

  1. Parla della salute intima con i tuoi amici

Spesso i ginecologi sono le prime (ed uniche) persone con cui si condividono dubbi e timori sulla salute intima e la vita sessuale. Può essere frustrante sapere di non poter contare sul supporto di un familiare o di un amico, che, invece, potrebbe aver avuto lo stesso problema. Parlarne apertamente non solo aiuterà a trovare una soluzione, ma renderà la conversazione molto meno imbarazzante.

  3. Racconta la tua vita sessuale

Non c’è da essere imbarazzate quando il ginecologo domanda quanto siete sessualmente attive e se ci sono problemi sul lato intimo con il partner. È importante condividere eventuali disagi o dolore durante i rapporti, anche perché il più delle volte è possibile trovare una soluzione o un trattamento che consente di continuare a condurre una vita sessuale normale e sana.

  1. Non avere paura di condividere problemi di salute familiare

Se ci sono rischi per la salute legati alla familiarità – ad esempio un tumore ginecologico –, dovrebbero sempre essere portati a conoscenza del medico il più presto possibile. I ginecologi sono infatti chiamati a svolgere un’approfondita consultazione e analisi della storia familiare, per identificare eventuali fattori che possono essere motivo di preoccupazione.

  1. Fatti vedere una volta l’anno

Il regolare check-up con un ginecologo dovrebbe essere trattato con lo stesso livello di importanza di qualsiasi altro controllo medico, quindi assicurati di fare un controllo almeno una volta l’anno.

  1. Fai attenzione ai prodotti di salute femminile che usi

Dai lavaggi, alle salviettine, agli spray, sono innumerevoli i prodotti per la cura femminile disponibili online e nei negozi. Tuttavia, molti di questi possono fare più male che bene, causando problemi indesiderati come sensazione di prurito, bruciore, infezioni. Il consiglio è di usare un sapone senza sapone. Tuttavia, se non si riesce a rinunciare a salviette o gel doccia, meglio optare per prodotti contenenti ingredienti naturali.

  1. Non dimenticare il Pap-test regolare

La maggior parte delle donne è consapevole dell’importanza di fare uno screening cervicale regolare. Tuttavia, ci sono ancora donne che hanno paura di prenotare un Pap-test e rimandano molto più a lungo di quanto dovrebbero, andando incontro a rischi anche gravi. Secondo le raccomandazioni dei ginecologi, le donne di età compresa tra 25 e 49 anni dovrebbero fare il Pap-test ogni 3 anni, quelle di età compresa tra i 50 e i 64 anni ogni 5 anni. Per le over 65, sarebbe opportuno eseguire l’esame nel caso non sia stato fatto a partire dai 50 anni di età.

  1. La secchezza vaginale non deve essere permanente

Gli effetti collaterali post-menopausali, come secchezza e assottigliamento dei tessuti vaginali, causati dalla mancanza di estrogeni, hanno un impatto almeno sul 50% della popolazione femminile. La secchezza, nota anche come “atrofia vaginale”, può avere gravi conseguenze per la salute intima di una donna e per questo va curata con trattamenti specifici.

  1. La menopausa non è la fine della tua vita sessuale

Molte donne credono che la menopausa sia la fine della loro vita sessuale. Certo, può essere un momento di grande disagio, ma ciò non significa che la salute intima e le relazioni siano compromesse. Al contrario, qualsiasi effetto collaterale post-menopausale può essere trattato per consentire loro di avere una vita sessuale normale e sana.

24/07/2018

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Send this to friend