Le cose folli che le donne si sono sentite dire in gravidanza

Le cose folli che le donne si sono sentite dire in gravidanza
01/02/2019 itismychoice

Le cose folli che le donne si sono sentite dire in gravidanza

 

I consigli più strampalati raccontati dalle neo-mamme e i suggerimenti dei ginecologi per nove mesi in buona salute

Fonte: Vanity Fair

 

Non sedersi sui gradini per evitare aborti e non stare in piedi sotto la luna piena. Non fare il bagno per non far annegare il bambino e non bere tè caldo per non farlo scottare. E, tra i tanti consigli folli, che dire di quello di molte nonne che consigliano di non litigare durante la gravidanza per evitare che il piccolo, forse prematuramente irritato, sia difficile da gestire dopo la nascita?

Pur se inaccettabili e chiaramente non messi in pratica, questi suggerimenti hanno il solo impatto di suscitare qualche sorriso, ma ce ne sono alcuni che possono fare male alle donne: «Mia sorella» – si legge in un commento inviato al sito BuzzFeed che ha chiesto alle donne quale fosse il consiglio peggiore o più folle ricevuto durante la gravidanza – «ha fatto un cesareo d’urgenza e sua suocera ha detto che non era una vera donna perché non aveva avuto un parto naturale».

Allora, per il benessere di mamme e bebè, non resta che lasciar scorrere e ascoltare i consigli degli esperti. Eccone 9 forniti dai ginecologi dell’Istituto Humanitas San Pio X di Milano per vivere in sicurezza i nove mesi col pancione.

  1. Happy hour e cene fuori: cosa si può mangiare e bere?

Attenzione alle verdure crude e alla frutta che cresce a contatto con la terra: tutto deve essere lavato con cura per evitare il rischio di Toxoplasmosi (in donne toxo-recettive). Vale lo stesso per la carne cruda e i salumi, compresi speck, bresaola e mortadella. L’alcool in gravidanza va assunto con moderazione: se nelle occasioni importanti la futura mamma vuole concedersi un brindisi, l’importante è non eccedere.

  1. Si può mangiare il sushi in gravidanza?

Sì, se il pesce crudo è di ottima qualità e di provenienza sicura. L’unico accorgimento, sempre per evitare il rischio di Toxoplasmosi, è quello di evitare piatti “contaminati” da verdura cruda.

  1. Gravidanza e piercing: cosa fare?

Durante il parto, in caso di utilizzo di elettrobisturi, verranno rimossi piercing e microdermal piercing.

  1. Tacchi in gravidanza, è pericoloso?

No, se fatto con buon senso. I rischi possono essere cadute, distorsioni e sovraccarico alla colonna vertebrale, già stressata dal peso della pancia che cresce. Se ne sconsiglia l’uso per tempi prolungati, soprattutto nell’ultimo trimestre.

  1. In moto col pancione, sì o no?

Secondo i ginecologi è meglio evitare o ridurre al minimo il loro utilizzo, per scongiurare il rischio di incidenti ma anche quello di imbattersi in buche e scossoni forti, che possono ripercuotersi sulla salute del feto.

  1. Ci si può sottoporre a piccoli interventi durante la gravidanza?

Possono esserci casi in cui la futura mamma deve sottoporsi a piccoli interventi, ad esempio per urgenze dentistiche o per rimuovere un neo. Nessun problema a effettuare anestesie locali, ma, se possibile, meglio rimandare l’intervento dopo il primo trimestre. Non si corre nessun rischio con le risonanze magnetiche. TAC e lastre andrebbero invece effettuate solo in casi realmente necessari e adottando le schermature previste. In ogni caso, è importante che la donna ricordi sempre di avvisare medici e personale di radiologia del suo stato di gravidanza.

  1. Sesso in gravidanza, si può?

Salvo il rischio di aborto o altre complicazioni valutate dal ginecologo, nulla osta per il sesso in gravidanza.
Dopo il parto, in genere durante la visita ginecologica a 4-6 settimane dal lieto evento, sarà lo specialista a indicare se è possibile riprendere l’attività sessuale in sicurezza.

  1. Che fare se in casa c’è un gatto?

Non occorre allontanare il gatto da casa. Bisogna però lavarsi bene le mani dopo ogni contatto con l’animale ed evitare del tutto quello con le sue feci.

  1. Sport col pancione, cosa fare?

In generale, la corsa e lo sport non sono dannosi. Meglio evitare quelli di contatto, che metterebbero a repentaglio la sicurezza del nascituro, prediligendo attività di ginnastica dolce, anche in acqua, guidate da un’ostetrica formata. Parlando di sport estivi, attenzione al diving: l’uso delle bombole è pericoloso in gravidanza. Meglio quindi optare per lo snorkeling.

Data 01/02/2019

Send this to friend