Diagnosticato il “burnout” da lavoro, ne soffrono 7 donne su 10

Diagnosticato il “burnout” da lavoro, ne soffrono 7 donne su 10
03/06/2019 itismychoice

Diagnosticato il “burnout” da lavoro, ne soffrono 7 donne su 10

Ansia, dolori addominali, insonnia, calo dell’attenzione i sintomi più frequenti.

Fonte: La Stampa

La sindrome da burnout entra ufficialmente nella lista dell’International Classification of Diseases (Icd), ovvero il manuale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che indica ai medici come riconoscere e diagnosticare le malattie. L’esaurimento da lavoro non è riconosciuto come una vera e propria patologia ma come uno dei fattori che «influenzano lo stato di salute o che portano al contatto con i servizi sanitari». Il burnout è considerato un «problema associato con l’occupazione o la disoccupazione lavorativa», una sindrome conseguente allo «stress cronico sul posto di lavoro gestito senza successo».

In Italia, ne soffrono 9 milioni di persone e di questi 7 su 10 sono donne. Il dipartimento di neuroscienze del Fatebenefratelli di Milano ha evidenziato come questo stress lavorativo porti uomini, ma soprattutto donne, ad essere meno attenti sul lavoro, ad un calo di produttività e assenze più frequenti. Il “burnout” può essere riconosciuto da sintomi quali: ansia (45% dei casi), dolori addominali (43%), irritabilità (41%), insonnia (39%) e da ultimo la depressione (20%); nelle donne più giovani può influire negativamente anche sull’equilibrio ormonale.

Secondo l’OMS, il burnout si riferisce specificamente ai fenomeni nel contesto occupazionale e non dovrebbe essere applicato per descrivere esperienze in altri ambiti della vita.

Negli Stati Uniti, uno dei lavori più stressanti e quindi tra le prime cause di burnout è proprio la professione medica. Secondo uno studio pubblicato sugli “Annals of Internal Medicine”, il burnout dei medici arriva a costare al servizio sanitario americano circa 4,6 miliardi di dollari l’anno. Dall’analisi è emerso che vengono persi ogni anno circa 7.600 dollari per ogni medico vittima dell’esaurimento fisico. Secondo gli esperti «è necessario un cambiamento culturale all’interno dei luoghi di lavoro, con una maggiore attenzione alla salute e al benessere, e fornendo anche aiuto psicologico».

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Send this to friend